scope miami 2013.jpg

La galleria Doris Ghetta è lieta di annunciare la sua presenza a Scope Miami 2013, con opere recenti di Aron Demetz, Robert Pan e Teodora Axente

Aron Demetz
Robert Pan
Teodora Axente

Anche a Scope Miami continua la ricerca della Galleria Ghetta sui distretti culturali più interessanti e sulle ricerche in grado di unire la grande tradizione occidentale con l'importante esperienza del contemporaneo. 
Aron Demetz e Robert Pan sono due rappresentanti della nuova scuola Sudtirolese. Entrambi hanno una ampia conoscenza delle tecniche tradizionali che cercano di tradurre alla luce delle tensioni contemporanee. In Aron Demetz le pose eleganti e tradizionali della classicità scolpite nel legno vengono “operate geneticamente” con bruciature, resinature e torniture. Le tecniche che trasfigurano volti e corpi citano alcune delle grandi esplorazioni tecniche dell'arte del '900: le bruciature di Burri, la ricerca sul linguaggio della materia dell'arte povera o lo scenario 
post-umano dell'arte degli anni '90. L'arte di Robert Pan prende avvio dall'astrattismo di matrice occidentale per spostarsi verso le culture non raffigurative e le filosofie orientali. Staccata la spina con la storia, ossia con lo spazio delle vicende umane, i grandi quadri di resina di Robert Pan tentano di immergersi nel tempo. I metalli, le sfumature, le costellazioni che emergono dalla lavorazione a strati delle sue opere dilatano il tempo e lasciano il campo aperto alla sublimazione. Teodora Axente, la pittrice della scuola di Cluj, porta la reality television all'interno della pittura di Velazquez. Nei suoi quadri a sfondo nero, Axente recupera gli stili dei grandi pittori barocchi e li mette a confronto con il sarcasmo un po' acido e un po' frivolo dei nostri tempi. 
In occasione di Scope Miami la Galleria Doris Ghetta è lieta di presentare 10m2_con opere di Carlo Speranza e Cornelia Lochmann. 10m2_ è una sezione dedicata espressamente alle ricerche di due giovani artisti. In continuità con la vivacità culturale che in questi anni ha caratterizzato l'attività della Galleria, 10m2_ propone al mercato internazionale le opere di due giovani artisti segnalati da alcuni fra i giovani critici e curatori più attenti. Carlo Speranza si è imposto in Sud Tirolo prima e in Italia dopo grazie a lavori estremi. Nelle sue opere la biografia è lo spunto per una ricerca formalmente dissacrante: inviato ad una mostra in un momento di scarsa disponibilità finanziaria da parte dell'artista ha deciso di fondere la catenella d'oro regalategli nell'infanzia dai parenti e di trasformarla in un chiodo d'oro 24k. Per Panorama4, una per una importante mostra dedicata ai giovani artisti più interessanti del Sud Tirolo, a fronte delle molte difficoltà che viveva come artista in termini di ispirazione e volontà, ha presentato un ritratto di se stesso mentre si aggira come un turista felice per i canali veneziani e si gioca il jolly, ovvero l'ultima carta che gli rimane. La seconda artista presentata in 10m2_ è Cornelia Lochmann. Pittrice capace di una intesa produzione, davanti ai quadri di Cornelia Lochmann si ha la sensazione che l'artista sia cresciuta fianco a fianco con il pennello. La sua pittura spontanea, sensuale e a volte tragica si inoltra negli strati profondi del desiderio dove poli opposti, bene e male, perversione e innocenza ballano sino a scambiarsi le parti. Il risultato è una pittura densa e ariosa. Giovane, ma già degna della migliore tradizione.